Analisi tecnica dei mercati: dollaro, euro, oro, argento, platino, palladio, Dow Jones, 12/01/2019

  • 12 Gennaio 2019
  • by Blogger

Nuovo appuntamento con l'analisi tecnica dei mercati canonici. In questo spazio parleremo di idee personali ed analisi secondo il nostro giudizio, di conseguenza non rappresentano affatto un invito automatico all'azione. Cerchiamo di norma di fornire un background quanto più completo possibile per permettere anche ad altri di trovare la propria strada laddove c'è nebbia. Iniziamo col gli ultimi andamenti nel mercato del dollaro, perché, se ricordate bene, c'è un pattern che abbiamo anticipato riguardo il dollaro. A tal proposito è consigliabile riprendere la seguente analisi tecnica per ulteirori dettagli.

 

Il dollaro è sceso del 5% rispetto allo yen sin dal 12 dicembre scorso e il pair euro/dollaro è in favore della moneta europea che è salita del 2,3% da inizio anno e del 3,3% sin dal 12 novembre scorso. A nostro giudizio, l'euro ha ancora spazio per salire, come minimo fino a 1,18.

 

L'oro invece non ha affatto risentito dei movimenti nei mercati FX e ha continuato a lateralizzare nell'area dei $1280. Oltre al fatto che sta testando come supporto il livello di ritracciamento Fibonacci a 0.618, sta trovando forte resistenze nel proseguire il suo andamento a causa del cluster di prezzo cerchiato in rosso nel grafico qui sotto.

 

Fallire nel sostenere questo livello di Fibonacci porterebbe il prezzo dell'oro a ritestare i vecchi supporti., soprattutto perché notiamo una iniziale divergenza nella RSI (la quale è in netta zona overbought).

 

Ciononostante non possiamo escludere a priori una rottura della resistenza dell'area attuale di prezzo, la quale farebbe salire il prezzo dell'oro fino ai punti rappresentati nel grafico qui sotto.

 

È chiaro che dal punto di vista del lungo termine siamo bullish nei confronti dell'oro, ma nel breve termine possiamo aspettarci un ritracciamento (almeno da un punto di vista tecnico) perché nell'area attuale il prezzo dell'oro pare aver esaurito il propellente degli impulsi ABCDE che l'hanno fatto salire per oltre $100. Quindi una correzione di prezzo è salutare, anche perché spignerebbe nuovi compratori nel mercato attivando buoni punti d'entrata.

 

L'argento ha seguito le orme dell'oro e attualmente sta trovando anch'esso resistenza in un preciso cluster di prezzo: quello coincidente con i minimi del 2017 e la laterlazzazione nel mese di luglio. È importante che la linea blu regga come supporto affinché il bullish momentum dell'argento prosegua.

 

Il platino, dopo aver testato ripetutamente il supporto ascendente che da tempo consigliavamo di tenere d'occhio (non ultimo nell'analisi tecnica della settimana scorsa), ha sfoggiato uno spike del prezzo e nel grafico qui sotto vediamo quale sarà la prima fermata: il livello 0.382 di Fibonacci a $862.

 

Il palladio, nonostante si trovasse in una rising wedge, ha rotto al rialzo tale pattern ed è salito di oltre $80. Ciononostante continuiamo a suggerire ai nostri lettori di andare short su questo metallo, poiché molto probabilmente i profitti fatti in questo mercato verranno molto probabilmente reindirizzati in quello del platino.

 

Nel frattempo, i mercati azionari hanno sfoggiato un rimbalzo, in particolar modo il Dow Jones il quale ha raggiunto il livello di di ritracciamento Fibonacci a 0.382. Il bottom a V presuppone sempre questo tipo di rimbalzo e malgrado ciò il Dow è ancora sotto dell'11% sin dal picco massimo dell'indice registrato lo scorso 3 ottobre (20% se consideriamo il bottom più recente). Inutile dire come il Dow abbia ancora spazio per scendere, come indicato in una nostra precedente analisi.

 

Ricordiamo comunque che durante l'ultimo ciclo il bear market è stato confermato solo un anno dopo il picco di mercato, nonostante fosse palese guardando altri indicatori. Uno ad esempio era l'oro, il quale salì del 150%, e un altro l'argento, il quale salì del 400%. Se la storia può essere una guida e possiamo aspettarci una performance simile (seppur non identica), allora staremo parlando di un prezzo dell'oro tra i $2600-$2700 nel futuro prossimo.

Francesco Simoncelli

Disclaimer
This article does not constitute investment advice and is not a solicitation for investment. DENARO does not render general or specific investment advice and the information on this article should not be considered a recommendation to buy or sell gold or precious metals. Each reader is encouraged to consult with his or her individual financial professional and any action a reader takes as a result of information presented here is his or her own responsibility.

Condividi sui tuoi social preferiti
 

Il tuo conto DENARO

DENARO è il modo più semplice e conveniente per acquistare e possedere oro fisico nella quantità che desideri.